Il Cersaie 2016 di Ferro

 

Il vino di qualità è un prodotto sempre unico perchè è il risultato fra la combinazione della tecnica con la profonda conoscenza ed esperienza personale ed umana. L’uomo e la sua conoscenza/esperienza sono al centro. Ci piace questo concetto ed è per questo motivo che l’abbiamo scelto come ispirazione. Detto fra noi…..è stato un vero successo. Ringraziamo cantina “Antinori” e “Falesco” per il loro supporto.

 

 

 

VIAGGIO AL CENTRO……

Benvenuti nell’area Mood Riserva. Uno spazio nel quale abbiamo cercato di rappresentare con prototipi ceramici il futuro che verrà..

Il nostro viaggio inizia con Orvieto, rappresentato da un essenza di legno naturale di formato 35*102 dalle striature definite e dalla superficie morbida adatto per rivestire ambienti eleganti e calorosi. E’ un prodotto vissuto senza essere usurato, perfetto per mille usi e combinazioni. Il viaggio continua verso Montefalco, seconda tappa del nostro percorso. Si tratta di un legno impastato dall’uomo e dall’usura del tempo. In esso ritroviamo 3 materiali, il legno, il cemento e il tessuto. Tutti e tre si mescolano assieme per dare vita ad un prodotto ibrido di ispirazione antica ma estremamente moderno. La sua natura meticcia, pur di grande personalità gli dona la caratteristica di essere per tutti i tempi e per tutti gli spazi. Saliamo, per raggiungere le Valli della Greve, in provincia di Firenze. La nostra tappa nr. 3. Un tessuto/cemento.

Può essere utilizzato come pavimento e rivestimento perfetto anche per un total look. E’ un prodotto sofisticato ma adatto a differenti ambienti dal bagno al living per arredi neutri o colorati. Con Valli della Greve, si lasciano le contaminazioni del legno più naturali e si seguono quelle materiche dell’uomo.

Ma un viaggio per quanto travolgente diventa unico solo con l’accadimento di un evento inatteso, un cambio di programma, una pioggia improvvisa, un nuovo incontro…e così il nostro navigatore ci riporta verso Sud, in Maremma. Immancabile! Tappa nr. 4. E’ un legno destrutturato, lucido, materico, aggressivo…un prodotto inatteso e non scontato ma proprio per questo unico come la Maremma. E’ l’ora di risalire verso Firenze. Siamo a Badia nella valle del chianti. Tappa nr. 5. Cemento di Badia. Un cemento moderno ed elegante. Nasce dall’unione di due materiali il cemento e l’alcantara. Un materiale tecnico moderno di design che ricorda il classico velluto per la sua morbidezza. E’ così che Cemento di Badia viene decorato come un tessuto con segni leggeri e non definiti dei toni di tendenza. (Pantone 2016/2017). Giochiamo con i colori e mostriamo i toni che caratterizzeranno i prossimi anni. Il nostro viaggio sta volgendo al termine. Ultima tappa, la nr. 6 Bolgheri, una frazione del comune di Castagneto Carducci. Terra di storia e di preziosi vigneti. La nostra Bolgheri è la  Maiolica/cemento lucida. Superficie materica, ricca e pastosa. La maiolica ci riporta all’idea dei vecchi casolari, al senso di famiglia e di unione. Un po’ nostalgica ma sempre ricercata e attuale. E’ un po’ come se ci restituisse serenità. UN MUST HAVE!

Il nostro viaggio è finito…lasciandoci un senso di amaro in bocca ma anche un cuore pieno di immagini e paesaggi da ricordare…e forse chissà magari avendo appreso qualcosa in più. DEDICATO AL CENTRO MARTORIATO DAL TERREMOTO…