Ferro partecipa al Club Imprenditori per l’Innovazione del Distretto Ceramico

Il progetto nasce da Focus Lab, laboratorio con esperienza decennale nell’offrire servizi di consulenza e advisory strategica su progetti di Sostenibilità e Corporate Social Responsability (CSR) per aziende, networks imprenditoriali, enti pubblici e associazioni. Il Club è un nuovo network di imprenditori delle principali imprese della filiera dell’industria ceramica, composto attualmente da varie imprese del settore produttori di pavimenti e rivestimenti in ceramica, produttori di impianti tecnologici e colori per l’industria ceramica. Il Club nasce con due principali macro-obiettivi:

  1. Think Tank – Incubatore di Idee, ovvero creare una sorta di tavolo rotondo nel quale gli imprenditori della filiera ceramica si confrontano sui temi che caratterizzeranno il futuro sia come distretto che come scenario globale dal quale nessuno oramai può prescindere. Quali saranno gli scenari futuri dell’architettura, o delle nuove strategie urbane sia in Italia che nel resto del mondo. Quali saranno i temi caldi da affrontare in tema di sostenibilità e digitalizzazione.
  2. Laboratorio di progetto pilota per sostenere azioni-interventi che possano rendere il Distretto più attrattivo, innovativo e sostenibile da diverse prospettive.

Sono stati fatti 3 incontri Workshops tematici itineranti, organizzati nelle varie sedi delle aziende che hanno aderito all’iniziativa. Diversi i temi in agenda, da riflessioni su tecnologia, includendo discussioni su nuovi scenari urbanistici internazionali (Smart City/Smart Building), pratiche di Manifattura 4.0, significato e importanza nei processi industriali di Design Thinking per nuovi prodotti, processi, servizi, supporto all’innovazione del territorio, sostenibilità, economia circolare, welfare aziendale e smart working. A questi incontri hanno partecipato anche relatori esterni, persone ed esperti che provengono dal mondo della ricerca e delle grandi imprese: Politecnico di Milano, Università di Brescia, Università di Modena e Reggio, Managers di IBM Italia e Siemens. Una sorta di scambio di conoscenze e punti di vista con aziende che hanno già interpretato i cambiamenti e per questo hanno offerto spunti di riflessioni a tutti i partecipanti. Non vi è dubbio che questa esperienza sia per certi aspetti quasi “rivoluzionaria” conoscendo il nostro comparto ceramico ma è altrettanto vero che nel futuro (oggi) tutto ciò non solo sia necessario ma praticamente imprescindibile.

Vorrei concludere questo articolo con una frase di un personaggio molto lungimirante tale Steve Jobs e sulla Sua personale interpretazione del significato di “Design Thinking”.

“Most people make the mistake of thinking design is what it looks like. People think it’s this veneer — that the designers are handed this box and told, ‘Make it look good!’ That’s not what we think design is. It’s not just what it looks like and feels like. Design is how it works.” Questo è ciò che sostiene il pensiero del Design Thinking, si inspira alle tecniche e agli strumenti utilizzati dai designer nello sviluppo di progetti innovativi, prevedendo un processo creativo nella soluzione del problema combinando diversi livelli di approccio, razionalità, creatività ed empatia. 

Il resto lo sveleremo alla fine di tutti gli incontri che per chi l’ha vissuta come me può dire che è stata una bellissima e curiosa esperienza.

Cinzia Lugli | Marketing Ferro